25.04.2003
Messaggi di "Palestina Libera"

Venerdi', 25 aprile 2003

Un 25 aprile in Palestina

 

UNO. Aggiornamenti del Palestine Monitor

 

DUE. SOS Sorgente Of Sharon

 

TRE. LETTERA DEI GENITORI DI RACHEL ALLA POPOLAZIONE DI GAZA

 

QUATTRO. VOLONTARI/E IN PALESTINA

 

CINQUE. IMPORTANTE INCONTRO AD IVREA: LA TRAGEDIA DELLA GUERRA GLOBALE

 

SEI. ECCO LE VITTIME

 

SETTE.. I Bush e i Bin Laden: gli affari prima della guerra

 

OTTO. Appello degli scienziati europei

 

 

 

************************

 

 

 

UNO. Aggiornamenti del Palestine Monitor

 

Mentre media e governi sottolineano e danno merito a Sharon per le aperture ad Abu Mazen nonostante l'ultimo attacco suicida,

 

 

 

i militari israeliani uccidono due palestinesi nel giardino scolastico di Qarawat Bani Zaid.

 

Le vittime di questo attacco terroristico sono Faker Aziz Arar, uno studente 17enne e Ossama Arar, un operaio che lavorava in

 

 

 

un cantiere accanto alla scuola.

 

www.palestinemonitor.org

 

 

 

************************

 

 

 

DUE. SOS Sorgente Of Sharon

 

Il programma RAI Sorgente di Vita, nel presentare un gruppo di artisti israeliani,

 

ha aggiunto alcuni commenti del tipo

 

"Israele e' uno stato democratico e in cui la democrazia e' sempre stata evidente"

 

"Israele e' assediata dal terrorismo e della guerra"

 

sorgentedivita@rai.it

 

 

 

************************

 

 

 

TRE. LETTERA DEI GENITORI DI RACHEL ALLA POPOLAZIONE DI GAZA

 

Riportiamo, per intero ed in inglese,

 

la lettera che i genitori di Rachel Corrie,

 

l'attivista statunitense uccisa dai militari israeliani,

 

hanno inviato alla popolazione di Gaza.

 

Alcuni estratti in italiano:

 

 

 

Vogliamo ringraziarvi per tutto quello che avete fatto per Rachel quando

 

e' arrivata a Gaza, per l'ospitalita' e l'amicizia,

 

e per come avete onorato la sua memoria....

 

Appena possibile, verremo anche noi a Rafah...

 

Sappiamo che Rachel sara' sempre legata al popolo palestinese.

 

Lei ci ha portato la vostra storia

 

ed ora voi sarete per sempre nei nostri cuori.

 

 

 

To the people of Gaza

 

 

 

From the Family of Rachel Corrie

 

 

 

Greetings to all of our friends in the Occupied Territories.We, the parents, sister and brother of Rachel Corrie, want to

 

thank you for all you did for Rachel while she was working in Rafah and for all you have done to honor her memory since she

 

died on March 16.We understand that you will be remembering her especially on the fortieth day anniversary of her death.››

 

Know that we will be thinking of all of you

 

 

 

We are grateful to those of you who became Rachelís friends and who welcomed her into your homes and shared your tea and food

 

 

 

 

with her.She wrote to us about you and about your wonderful families.She admired how you supported one another even as

 

you struggled against the cruelties of the occupation.Writing about you, Rachel told us, ď I am nevertheless amazed at

 

their strength in being able to defend such a large degree of their humanityólaughter, generosity, family-timeóagainst the

 

incredible horror occurring in their lives and against the constant presence of deathÖÖI am also discovering a degree of

 

strength and of basic ability for humans to remain human in the direst of circumstancesÖ.I think the word is dignity.Ē

 

 

 

We are grateful to those of you who cared for Rachel as she died and after.We will always remember the respect and love

 

with which she was treated in life and in death by the people of Gaza.

 

 

 

We are grateful to all of you who have honored Rachelís memory during these past weeks.It lifts our spirits to hear ofthe

 

 

 

 

Rachel Corrie Children and Youth Cultural Center in Rafah and the Rachel Corrie Center for Womenís Empowerment.We know

 

there are now newborn babies named Rachel and streets that bear her name, too.We cannot find adequate words to tell you how

 

 

 

 

much these things mean to us.Thank you for the many ways in which you have honored our daughter and sister.

 

 

 

Rachel wrote to us that coming to Rafah was one of the best things she had ever done in her life.She told us that she would

 

 

 

 

stay in Rafah longer than she had originally planned.She had watched another ISM volunteer say goodbye to the families she

 

had grown close to, and Rachel said she saw then how hard it would be to one day leave all of you.She had dreams of making

 

connections between Rafah and her hometown in the United StatesóOlympia, Washington.She had started planning to make Rafah

 

and Olympia sister cities.She had gone to her old elementary school in Olympia and had encouraged the children there to

 

write letters to the children in Rafah.& nbsp; She was hoping to help the women in Rafah who make handcrafted items to sell

 

those items at a fair trade store in Olympia.Rachel wanted your voices to be heard in the United States.Had she lived,

 

Rachel would have worked to make all these things happen.Now, we want you to know that many people in the United States are

 

 

 

 

working very hard to make these dreams of Rachelís come true.The dreams are not forgotten.Rachel is not forgotten.And

 

your suffering is not forgotten.

 

 

 

Our family wants very much to come to Rafah.We plan to do so as soon as we are able..When we come, we hope to meet the

 

children who taught Rachel Arabic words, the grandmother who watched out for her health, and the families with whom she

 

shared meals and tea.We hope to visit the Rachel Corrie Children and Youth Cultural Center and the Rachel Corrie Center for

 

 

 

 

Womenís Empowerment and maybe to meet a newborn baby named Rachel.We are eager to look into your eyes and to have you look

 

into ours as we remember Rachel together.

 

 

 

We want you to know that each day here in the United States we are doing all that we can to make Americans aware of your

 

suffering.We will continue to work here for a just and peaceful resolution to this conflict that has caused so much loss

 

for each of you and now for us, as well.We know that Rachel will forever be linked to the Palestinian people.She brought

 

your story to us so that now, you will always be in our hearts.

 

 

Sincerely,

 

Cindy, Craig, Chris, and Sarah Corrie

 

 

 

Rachelís Family

 

 

 

INTERNATIONAL SOLIDARITY MOVEMENT

 

www.palsolidarity.org

 

 

 

************************

 

 

 

QUATTRO. VOLONTARI/E IN PALESTINA

 

 

 

TRAINING DI FORMAZIONE Ė SALERNO 10/11 MAGGIO 2003

 

 

 

Complesso di Santa Sofia Ė piazza abate Conforti (centro storico)

 

 

 

Sabato 10 ore 15,00 seminario sulla questione palestinese

 

 

 

Domenica ore 9,30 laboratorio per i volontari

 

 

 

Missioni da giugno a dicembre 2003

 

 

 

per informazioni assopace.na@tiscali.it

 

 

 

***

 

Per chi avesse bisogno di un posto dove pernottare sono a disposizione:

 

 

Ostello dell'Ave Gratia Plena (via Canali, a poche decine di metri dal luogo

 

dove si svolge l'Assaemblea):

 

stanze da 2 o da 4 posti letto, con bagno, biancheria (+2 Euro per biancheria

 

da bagno) e 1į colazione: Euro 14,00-15,50 per persona/notte;

 

Prenotazioni fino al 5 maggio: tel. 089 234776, fax 089 2581874.

 

 

 

Sieti, Citta'-albergo (a circa 20 minuti dal luogo dove si svolge l'Assaemblea,

 

con servizio di navetta a carico della provincia di Salerno)

 

servizio B & B con stanze da 1, 2 o piu' posti letto: Euro 20,00-30,00 per

 

persona/notte;

 

Prenotazioni presso l'Associazione che gestisce il servizio fino al 5 maggio:

 

tel. 089 880129, e mail: rdascoli@inwind.it; cellulare della responsabile

 

(Sig.ra Regina D'Ascoli): 328 2884878.

 

 

(Davide Berruti, Coordinatore Nazionale)

 

 

 

 

 

************************

 

 

 

CINQUE. LA TRAGEDIA DELLA GUERRA GLOBALE, Ivrea, 28 aprile

 

 

 

Circolo Ferdinando Santi

 

 

 

Lunedi' 28 aprile alle ore 21

 

 

 

presso la sala Santa Marta di Ivrea

 

 

 

Assemblea pubblica in forma di recital

 

 

LA TRAGEDIA DELLA GUERRA GLOBALE

 

 

Quel che resta

 

un video sul Kosovo di Maurizio Givovjch e di Enten Eller e Tim Berne

 

 

Se mi chiedete Ö di Aharon Shabtai (poeta israeliano)

 

reading di Ciro Lubrano

 

 

Il muro infameun racconto fotografico dalla striscia di Gaza

 

a cura di Alfredo Tradardi

 

 

Stato díassedio di Mahmoud Darwish (poeta palestinese)

 

 

 

reading di Ciro Lubrano

 

 

Immagini della guerra di ďliberazioneĒ irachena

 

a cura di Giuseppe Bellone

 

 

 

ELE POSSIBILITa' DI PENSARE FUTURI

 

 

A Ivrea, citta' non-luogo, vota te stesso!

 

Alfredo Tradardi

 

 

 

dibattito

 

 

 

CONCERTO dei MADRELUNA

 

 

Mostra di TonyMuroni

 

 

 

Tutti sono invitati a partecipare

 

 

 

alfredo tradardi

 

via giovanni xxiii n. 21

 

10010 mercenasco (to)

 

italy

 

+39 0125 710411

 

+39 347 2745166

 

a.tradardi@flashnet.it

 

 

 

 

 

************************

 

 

SEI. ECCO LE VITTIME

 

Sono 3.173 tutte le vittime nei 30 mesi dell'Intifada, di cui 2.390 palestinesi e 725

 

israeliane. L'Anp ha reso noto ieri che sono 7.254 i palestinesi in carceri o campi di

 

detenzione israeliane e che almeno il 25% della popolazione di Gaza e della

 

Cisgiordania ha passato almeno un mese dietro le sbarre. Tra i detenuti vi sono 322

 

minorenni e 63 donne. Prima che iniziasse la nuova rivolta, nel settembre del 2000,

 

nelle prigioni israeliane vi erano 1.300 detenuti.

 

(il manifesto)

 

 

 

************************

 

 

 

SETTE. I Bush e i Bin Laden: gli affari prima della guerra

 

 

 

E' cio' su cui indaghera' Fahrenheit 911, il nuovo film di Michael Moore, premio Oscar per Bowling a columbine. 'Certamente,

 

lí11 settembre ha a che fare con i legami tra le due famiglie: cio' pone molte domande e sono proprio le risposte cio' che

 

voglio trovare'

 

 

 

di Giovanni Bogani

 

 

 

 

 

Michael Moore, quello che non le aveva mandate a dire, la notte degli Oscar. Quello che aveva detto "we live in fictitiuos

 

times, with a fictitious president", viviamo in tempi fittizi con un presidente fittizio Ė che ci trascina in una guerra

 

fittizia, aveva aggiunto Ė sta per suscitare nuove ire con il suo prossimo documentario.

 

 

 

Il suo prossimo progetto di film, infatti Ė come riferisce Variety Ė esaminera' i rapporti tra il padre del presidente Bush,

 

cioe' George Bush senior, a sua volta presidente degli Stati Uniti, e la famiglia di Osama bin Laden. E suggerira' che

 

proprio la famiglia di bin Laden si e' arricchita grazie alle sue relazioni con la famiglia Bush. Michael Moore sta

 

stringendo un accordo con la Icon Productions di Mel Gibson per finanziare Fahrenheit 911, un documentario che investiga sul

 

perche' gli Stati Uniti siano diventati un obiettivo primario per il terrorismo. Il documentario descrivera' anche i rapporti

 

 

 

 

fra due generazioni dei Bush e dei Bin Laden che hanno portato George W. Bush e Osama bin Laden a divenire nemici mortali.

 

 

 

Intanto, Bowling a Columbine, che e' uscito di nuovo anche in Italia, si avvia a superare i 40 milioni di dollari di incassi

 

Ė 80 miliardi di lire: ed era costato solo 3 milioni di dollari. Con queste cifre, si avvia ad essere uno dei documentari di

 

maggior successo di tutti i tempi. "Lo scopo primario del mio nuovo film e' scoprire che cosa e' accaduto al mio paese

 

dallí11 settembre, e come líamministrazione Bush ha strumentalizzato questo tragico evento", dice Moore. "Certamente, lí11

 

settembre ha a che fare con i legami tra Bush e Bin Laden. E questa relazione pone un numero di domande per le quali al

 

momento non ho risposta: ma sono proprio queste risposte cio' che voglio trovare".

 

 

 

Il film, dice Moore, e' gia' costato un anno di ricerca. Sara' pronto per Cannes 2004, e sara' distribuito negli Stati Uniti

 

in tempo per le elezioni presidenziali dello stesso autunno. E non sara', presumiamo, un grosso aiuto per la campagna

 

presidenziale di Bush, che essendo al primo mandato puo' ricandidarsi.

 

 

 

I legami tra Bush e bin Laden iniziano con una relazione díaffari fra líex presidente Bush senior e Mohammed Bin Laden, il

 

padre di Osama, nato nello Yemen, che era un magnate dellíedilizia saudita. Mohammed, morendo, lascio' al figlio e futuro

 

terrorista 300 milioni di dollari Ė cento volte il budget di Bowling for Columbine, per inciso. Intanto, il giovane Bin Laden

 

 

 

 

e' fra i giovani mujaheddin addestrati dalla Cia in funzione antisovietica in Afghanistan. Ma questo si sa. La campagna

 

antiamericana di bin Laden, e líinizio di Al Qaeda, inizia dopo che Bush piazza le sue truppe in Arabia Saudita durante la

 

Guerra del Golfo. Dieci anni piu' tardi, líattentato alle Torri gemelle. E il terrorismo diventa il primo obiettivo della

 

presidenza di George W. Bush.

 

 

 

Ma quello che e' sconvolgente, e' cio' che dice Michael Moore a Variety.

 

"Bush senior ha mantenuto contatti con la famiglia Bin Laden fino a due mesi dopo lí11 settembre", dice Moore. "I Bin Laden

 

hanno investito massicciamente nel gruppo Carlyle, che ha le mani in pasta in una quantita' di pasticci, e che e' uno dei

 

piu' importanti imprenditori bellici del paese, anche se principalmente compra aziende belliche in fallimento e le rivende

 

per profitto"..

 

Ma, dopo il discorso allíOscar, qual'e' la posizione di Hollywood verso Michael Moore? Perche', le liste nere, a Hollywood,

 

non sono mai finite. Molti pensavano che Moore sarebbe stato cacciato via dal movie-system. Lui ha ammesso che la sua

 

passionalita' e' stata in parte alimentata dalla ricerca che ha fatto per il nuovo film: e ha detto che la reazione della

 

gente, ma anche del mondo del cinema, e' stata estremamente positiva. "Mi hanno dato un Oscar e una standing ovation per un

 

film che parla non soltanto della violenza delle armi in America, ma di come Bush manipoli líopinione pubblica, e di come noi

 

 

 

 

americani siamo violenti contro la gente del mondo. Nel mio discorso, ho espresso esattamente cio' che cíera nel film, e

 

invece di essere messo sulla lista nera, ho ottenuto un accordo per finanziare Fahrenheit 911 e offerte per finanziare

 

persino il film successivo. Le prevendite del video di Columbine hanno superato quelle di Chicago, e il mio libro e' tornato

 

nella top list dei bestseller secondo il New York Times. Tutti noi siamo ancora pieni di rabbia per lí11 settembre e abbiamo

 

il diritto di esigere giustizia e punizione del 'bad guy'. Ma non abbiamo il diritto di vendicarci su ogni vecchio 'bad

 

guy'".

 

 

 

E sul discorso della notte degli Oscar, intervengono due dei registi 'nominati' che sono saliti sul palco insieme a Moore.

 

Sono Gail Dolgin e Vicente Franco. Franco, nominato per Daughter of Danang, ha dichiarato: "Ero stupefatto per la mancanza di

 

 

 

 

critiche alla guerra fino a quel momento durante la serata degli Oscar, cosi' e' stato veramente bello essere i primi ad

 

esprimere quello che tutti stavano sentendo".

 

 

 

(Kataweb cinema, 15 aprile 2003)

 

 

 

 

 

************************

 

 

 

OTTO. L'appello degli scienziati europei:

 

 

 

Alla Commissione Europea

 

Al Consiglio d'Europa

 

Presidente della Repubblica Italiana

 

Presidente del Consiglio (Italia)

 

Ministro dell'Istruzione, dell'Universita' e della Ricerca (Italia)

 

 

 

 

 

Come scienziate e scienziati europei, esprimiamo la nostra profonda

 

tristezza e costernazione per la tragedia umana continuata che afligge

 

le popolazioni israeliana e palestinese.

 

Nonostante le diffuse condanne internazionali per la politica di

 

violenta repressione nei confronti della popolazione palestinese nei

 

Territori Occupati, il governo israeliano appare inamovibile di fronte

 

agli appelli morali delle popolazioni pacifiche.

 

 

 

Tuttavia ci sono strade per esercitare pressioni all'interno della

 

comunita' europea.

 

Molte istituzioni culturali e di ricerca sia nazionali che europee e

 

specialmente quelle che usufruiscono di fondi dell'Unione Europea (UE) e

 

dell'European Science Foundation (ESF), considerano lo stato di Israele

 

come uno stato europeo per le proposte di assegnazione di fondi e di

 

contratti.

 

 

 

Nello spirito del par.8 della Risoluzione del Parlamento Europeo sul

 

Medio Oriente (10/04/2002), chiediamo al Consiglio e alla Comissione

 

Europea di sospendere l'Accordo euromediterraneo di associazione

 

UE-Israele e alle autorita' nazionali una moratoria di ogni futuro

 

contributo di questo tipo, a meno che e fino a quando Israele

 

** non si conformera' alle Risoluzioni del Parlamento Europeo sul Medio

 

Oriente (10/04/2002 e 07/02/2002) specialmente laddove:

 

Il Parlamento Europeo (...) esorta tutte le parti in causa a porre

 

immediatamente fine a tutte le forme di violenza, in particolare agli

 

attacchi terroristici contro civili israeliani, alle esecuzioni

 

extragiudiziali compiute dalle forze di difesa israeliane e alla

 

massiccia distruzione delle infrastrutture di base nei territori

 

palestinesi, che compromettono seriamente il funzionamento di un futuro

 

Stato palestinese;(...) chiede il ritiro dell'esercito israeliano dai

 

territori palestinesi, inclusa Ramallah (...) ribadisce che uno Stato

 

palestinese funzionante costituisce un importante passo verso una

 

soluzione del conflitto e il miglior modo per assicurare il diritto di

 

Israele alla sicurezza.

 

** non si conformera' alle risoluzioni ONU, in particolare le n. 1397,

 

1402, 1403.

 

 

 

Infine, sottolineiamo la necessita' di assumersi pienamente, da parte

 

delle Nazioni Unite, dell'Unione Europea, della Russia e degli Stati

 

Uniti, l'impegno e la responsabilita' di promuovere immediati e

 

affidabili negoziati di pace tra l'Autorita' nazionale palestinese e il

 

Governo israeliano.

 

 

 

I primi firmatari:

 

 

 

Massimo Cappi (CNR-IASF Bologna)

 

Marco Cervino (CNR-ISAC Bologna)

 

Stefano Corradini (CNR-ISAC Bologna)

 

Anna Garbesi (CNR-ISOF Bologna)

 

Giampiero Ruani (CNR-ISMN Sez. Bologna)

 

Fabrizio Leccabue (CNR-IMEM Sez. Parma)

 

Rita Rizzoli (CNR-IMM Sez. Bologna)

 

Alessandra Degli Esposti (CNR-ISOF Bologna)

 

Lucia Flamigni (CNR-ISOF Bologna)

 

Leonardo Langone (CNR-IGM Bologna)

 

Mauro Dadina (CNR-IASF Bologna)

 

Angela Malizia (CNR-IASF Bologna)

 

Caterina Summonte (CNR-IMM Sez. Bologna)

 

Sergio Nicoletti (CNR-IMM Sez. Bologna)

 

Vittorio Morandi (CNR-IMM Sez. Bologna)

 

Beatrice Stefanelli (CNR-ISMN Sez. Bologna)

 

Massimo D'Isidoro (CNR-ISAC Bologna)

 

Silvio Davolio (CNR-ISAC Bologna)

 

Claudio Chiorboli (CNR-ISOF Sez. di Ferrara)

 

Patrizia Salamone (CNR-Biblioteca Area Bologna)

 

Franca Albertini (CNR-IMEM Sez. Parma)

 

Elisa Carboni (CNR-ISAC Bologna)

 

Simona Tubertini (CNR-Area della Ricerca Bologna)

 

Paola De Nutiis (CNR-ISAC Bologna)

 

Andrea Buzzi (CNR-ISAC Bologna)

 

Franco Dinelli (CNR-ISMN Sez. Bologna)

 

Simona Masina (INGV Bologna)

 

Silvia Milita (CNR-IMM Sez. Bologna)

 

Vito Vitale (CNR-ISAC Bologna)

 

Raimondo Crippa (Dip. Fisica Univ. Parma)

 

Vincenzo Miccio (Dip. Fisica Univ. Parma)

 

Luigi Cristofolini (Dip. Fisica Univ. Parma)

 

Massimo Ghidini (Dip. Fisica Univ. Parma)

 

Ruba Salih (Dip. Fisica Univ. Parma)

 

Isabella Prandoni (CNR-IRA Bologna)

 

Cristina Chiavari (Dip. Chimica Univ. Ferrara)

 

Eliana Palazzi (CNR-IASF Bologna)

 

Massimo Gazzano (CNR-Centro Studi Macromolecole Bologna)

 

Cesare Ascoli (CNR Istituto di Biofisica - Pisa)

 

A. Matteucci (CNR-IGM Bologna)

 

Dimitrios Palles (CNR-ISMN Sez. Bologna)

 

Emilia Arisi (CNR-ISMN Sez. Bologna)

 

Franca Cesaro (CNR-ISMN Sez. Bologna)

 

Antonio Martiniello (CNR-ISMN Sez. Bologna)

 

Patrizia Zecchi(CNR-ISMN Sez. Bologna)

 

Claudia Menozzi (Dip. Fisica Univ. Modena)

 

Francesca Alvisi (CNR-IGM Bologna)

 

Ilaria Bergenti (CNR-ISMN Sez. Bologna)

 

Roberto Isaia (INGV Osservatorio Vesuiano)

 

Antonietta Loi (CNR-ISMN Sez. Bologna)

 

Michele Muccini (CNR-ISMN Sez. Bologna)

 

Raffaella Capelli (CNR-ISMN Sez. Bologna)

 

Roberto Zamboni (CNR-ISMN Sez. Bologna)

 

Nicola Masetti (CNR-IASF Bologna)

 

Paola Luches (Univ. Modena e Reggio Emilia)

 

Chiara Giovanardi (Univ. Modena e Reggio Emilia)

 

Marco Liberati (Univ. Modena e Reggio Emilia)

 

Paolo Lazzeretti (Univ. Modena e Reggio Emilia)

 

Francesco Allegretti (Univ. Modena e Reggio Emilia)

 

Valentina De Renzi (Univ. Modena e Reggio Emilia)

 

Paolo Ferriani (Univ. Modena e Reggio Emilia)

 

Luca Lombroso (Univ. Modena e Reggio Emilia)

 

Andrea Ligabue (Univ. Modena e Reggio Emilia)