PALESTINA - BALSAM
Messaggi di "Palestina Libera"

3 Aprile 2002

INTERVISTA DELLA BBC A JOSE' SARAMAGO

(JosŔ Saramago, portoghese, Premio Nobel per la letteratura 1998)

BBC - La stampa internazionale ha pubblicato delle dichiarazioni attribuite a lei riferendosi alle azioni dell'esercito israeliano come azioni "naziste" e criticando abbastanza duramente il governo di Israele. Qual Ŕ esattamente la sua posizione sul conflito del Medio Oriente?

JosÚ Saramago - La dichiarazione che l'esercito israeliano sia diventato "ebreo nazista" fu di un grande intellettuale ebreo (Yeshayahu Leibowitz, morto nel 1994), rispettato tanto dal punto di vista morale che intellettuale.Non mi sto mettendo dietro la sua ombra per proteggermi dalla tempesta. Ma questa idea che qualcosa di profondamente negativo, distruttivo, sia entrata nello spirito di Israele, non fu espressa da me per la prima volta. Molti ebrei oggi giorno lo riconoscono.

BBC - Un'altra affermazione che lei avrebbe fatto su Israele fu quella di paragonare con l'apartheid la forma in cui il governo israeliano tratta i palestinesi ..

.JosÚ Saramago - Non Ŕ una specie di apartheid, Ŕ rigorosamente un apartheid, e su questo solo quelli che non sono mai venuti qui posso avere dei dubbi.Se qualcuno vuole essere informato, supponendo che le autoritÓ militari consentano l'accesso, i passaggi dai check points per arrivare ai villaggi e cittÓ palestinesi sono completamente isolati, dove non si puˇ entrare e da dove non si puˇ uscire senza l'autorizzazione dell'esercito israeliano, se si vuole effettivamente vedere ciˇ che sta accadendo si deve venire qui.L'informazione che abbiamo, quella che circola internazionalmente, fa vedere solo un lato omettendo l'altro, oppure fa vedere solo i palestinesi che sparano in aria quando accompagnano i propri morti. Non sto dicendo che gli israeliani siano dei demoni e che i palestinesi siano degli angeli, non Ŕ quello, angeli e demoni esistono da entrambe le parti. Ciˇ che sta succedendo politicamente qui, perˇ, la situazione di guerra che si Ŕ creata, ha avuto come risultato l'occupazione militare di praticamente tutto il presunto territorio palestinese, o l'isolamento di tutti i villaggi e cittÓ palestinesi e l'impossibilitÓ di circolare nel proprio territorio. Questo se non Ŕ apartheid, come lo dobbiamo chiamare?

BBC - Lei direbbe che, negli ultimi anni, principalmente durante il governo del primo ministro Ariel Sharon, questa situazione si Ŕ agravata?

JosÚ Saramago - Si Ŕ agravata negli ultimi tempi. Ma, inquanto Barak fu primo ministro, si costruirono pi˙ colonie all'interno del territorio palestinese rispetto a quelle costruite dal governo di Netanyahu. Vuol dire che Barak che, suppostamente si proponeva di fare la pace, installava sempre piu' colonie all'interno dei territori occupati. Qui c'Ú un punto che bisogna riconoscere: le colonie hanno bisogno dell'esercito per difendersi. Ma l'esercito ha bisogno delle colonie per essere installato lý. E da questa logica, che Ŕ assolutamente infernale, non se ne esce, perchÚ effettivamente la pace che vuole il governo di Israele non Ŕ la pace giusta, non Ŕ una pace che riconosce effettivamente i diritti dei palestinesi ad avere uno Stato, ad avere una propria identitÓ, una vita che sia loro. I palestinesi sono disprezzati dalla popolazione di Israele, e questo non Ŕ demagogia, Ŕ la pura veritÓ, e chi vuole delle conferme venga qui a vedere.

BBC - Lei ha parlato di come la comunitÓ internazionale vede questo conflitto. Ma non crede che, sopratutto dopo atti di estrema violenza come l'attentato di ieri (mercoledi, in cui 20 israeliani sono rimasti uccisi in una esplosione), diventa ancora piu' difficile per la comunitÓ palestinese di divulgare la propria lotta, le proprie rivendicazioni alla comunitÓ internazionale?

JosÚ Saramago - In primo luogo, non sto giustificando ne difendendo questo atto. Ma tutti gli atti di violenza praticati dai palestinesi sono degli ostacoli alla pace. Perˇ gli atti di violenza praticati dall'esercito israeliano non sono ostacoli alla pace... villaggi rasi al suolo, migliaia di morti, gente espulsa nel 1948... se ne parla del olocausto ebreo, ma c'Ú anche stato una specie di olocausto palestinese.Un milione di persone deportate dalle loro case nel 1948.Ancora ieri siamo stati a Gaza, e 150 case sono state distrutte dai carri armati. Qui si punisce un'azione praticata da un palestinese con la distruzione di casa sua, o di tutte le case di un villaggio. Come mai gli atti di violenza degli israeliani non sono ostacoli alla pace?

BBC - In questa situazione, quali prospettive vede per il conflitto? Ha dell'ottimismo riguardo il piano di pace saudita o riguardo le attuali negoziazioni?

JosÚ Saramago - Io non ho alcun ottimismo, perchÚ egoverno di Israele non vuole la pace. Vuole la pace che gli convene, non una pace giusta che prenda in considerazione il diritto del popolo palestinese ad avere la propria vita. Sono completamente scettico sull'esito di qualsiasi piano.E, recentemente, in una proposta degli USA nelle Nazioni Unite, e' stato riconosciuto che il popolo palestinese ha il diritto di vivere in un suo proprio Stato. Ma come si organizza questo Stato se le colonie israeliane nei territori occupati sono 205, e tutte quante protette dall'esercito e tutte quante armate? Come si puˇ parlare di un piano di pace che ignori questa realtß?

BBC - Dovuto alle sue pi˙ recenti dichiarazioni, in Israele c'Ú un boicotaggio dei suoi libri. Come vede questo tipo di reazione?

JosÚ Saramago - naturale. Penso che, in fondo, sono reazioni di persone che non sopportano che gli si dica la veritß. Ritirare i miei libri dalle librerie Ú, probabilmente, il primo passo che puˇ portare a un secondo passo che consiste in bruciarli in pubblica piazza. Tutto puˇ succedere.