5 novembre 2001

PALESTINA: CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELL'APPELLO

Martedô 6 novembre 2001 ore 12 Libreria Feltrinelli via Manzoni 12 Un migliaio di morti, diverse migliaia di feriti, molte cittł restituite all'Autoritł Nazionale Palestinese, in base agli accordi di pace, ora rioccupate dall'esercito israeliano, la pratica quotidiana dell'assassinio di dirigenti palestinesi da parte israeliana al di fuori di ogni legalitł: questo il quadro desolante. Come flebile speranza: le dichiarazioni di principio a favore della creazione di uno Stato palestinese da parte di molti leader occidentali, come il presidente Bush, il premier britannico Blair, il presidente del Consiglio Berlusconi, ma ahimÄ prive di indicazioni su come realizzarla concretamente. Nel Corso della riunione tenutasi a Milano il 24 ottobre 2001 l'Associazione di amicizia Italia-Palestina, l'Osservatorio di Milano e Salaam hanno lanciato un appello per sensibilizzare l'opinione pubblica di fronte alla crisi medio orientale, autentico nodo della grave instabilitł internazionale, chiedendo una pace giusta in Palestina. L'appello parte da Milano, fedele alla tradizione di sensibilitł della cittł per le questioni internazionali, ma sta raccogliendo un numero significativo di adesioni anche a livello nazionale, a dimostrazione di quanto l'opinione pubblica italiana sia consapevole della tragedia che si sta consumando in Medio Oriente. Il prestigio e la simpatia che circondano il nostro Paese tra i milioni di palestinesi sparsi nei campi profughi di quella regione, costituiscono un patrimonio da difendere, facendo ogni sforzo perchÄ quel popolo possa vedere riconosciuti i propri diritti sulla propria terra. A chi invoca pace e diritto all'esistenza anche di Israele, ricordiamo che la pace Ć figlia del reciproco rispetto e fatica a mettere radici laddove il piŁ forte calpesta quotidianamente i diritti, anche elementari, del piŁ debole, ponendo come condizione per la pace, la sottomissione. EMERGENZA PALESTINA Per la pace giusta in Palestina Per la protezione della popolazione civile palestinese Noi sottoscritti cittadini italiani e stranieri premesso che l'occupazione militare israeliana dei territori palestinesi rappresenta una grave violazione delle risoluzioni delle Nazioni Unite e dei diritti umani fondamentali della popolazione civile chiediamo al governo italiano, alle forze politiche, agli enti locali, alle associazioni laiche e religiose, a tutta la collettivitł di agire concretamente per i seguenti obiettivi: 1) protezione della popolazione civile palestinese, anche attraverso l'invio di una forza internazionale dell'Onu, per la difesa di tutte le vittime di una situazione intollerabile, come dimostra anche l'occupazione con i carri carmati israeliani di Betlemme (cittł gemellata con Milano), e i colpi sparati contro la basilica della Nativitł di GesŁ Cristo. 2) ritiro immediato e permanente dell'esercito israeliano dai Territori dell'Autoritł Nazionale Palestinese, come richiesto dall'Unione Europea e dagli U.S.A. 3) ripresa immediata del processo di pace tra Israele e Autoritł Nazionale Palestinese, fondato sul rispetto delle risoluzioni dell'Onu, delle convenzioni internazionali, sul riconoscimento del diritto inalienabile del popolo palestinese ad un proprio stato indipendente. PALESTINE - AN EMERGENCY FOR A JUST PEACE IN PALESTINE FOR THE PROTECTION OF THE PALESTINIAN CIVILIAN POPULATION The military occupation of the Palestinian territories by Israel is a grave violation of the U.N. resolutions and of the fundamental human rights of any civilian population; therefore we, Italian and foreign citizens living in Italy, demand that the Italian government, political organizations, local authorities, secular and religious associations and the general public take concrete actions to pursue the following objectives: 1. The protection of the Palestinian civilian population also by sending a U.N. international force to defend all the victims of an umbearable situation, which is evidenced by Israeli tanks occupying Bethlehem, a town linked to Milan by twinning, where even Jesus' Nativity Church has been hit. 2. The immediate and permanent withdrawal of the Israeli army from the National Palestinian Authority territories as urged by the European Union and the United States. 3. The immediate resumption of the peace talks in accordance with the U.N. resolutions and the international conventions for the recognition of the inalienable right of the Palestinian people to their own independent and sovereign state. Prime adesioni Velio Abati (insegnante Istit. magistrale Grosseto), Mario Abud (prof. dipart. di fisica, Universitł Federico II di Napoli), Luisa Acerbi (Milano), Farid Adly (Anbamed, Notizie dal Mediterraneo), Mariagiulia Agnoletto (psichiatra, Salaam comitato di Milano), Paolo Agnoletto (avvocato), Alfredo Agustoni (coord. lombardo Nord-Sud del mondo), Hosein Ahmad (Ist. universitario orientale di Napoli), Arnaldo Alberti (orientalista, Ivrea), Daniela Ambrosino (funzion. Corte Costituzionale, Roma), Daniel Amit (prof.di fisica alla Sapienza e alla Hebrew University di Gerusalemme), Angelo Arioli (ordinario di lingua e letteratura araba, vicepreside della facoltł di studi orientali, Universitł La Sapienza Roma), Anna Assuma (Milano), Enrico Baj (pittore, Milano), Luca Baranelli (Siena), Luisa Baranelli (Siena), Antonio Barbato (sindacato di base vigili urbani, Milano), Annalisa Basso (Cnr, Napoli), Vittorio Bellavite (coordinatore Noi Siamo Chiesa, Milano), Katia Bellillo (deputato), Padre Jean - Marie Benjamin (Assisi), Antonella Bertoli (presid. Consiglio Prov.le Rovigo), Bruno Bertolini (Roma), Maria Pia Betti (assegnista di ricerca, fac. di lettere e filosofia Universitł di Pisa), Enzo Bianchi (giornalista, Milano), Fiamma Bianchi Bandinelli (Siena), Riccardo Bocco (prof. Universitł di Ginevra), Lucia Borgianni, Mauro Bulgarelli (deputato), Luciano Canfora (storico, prof. all'Universitł di Bari), Mario Capanna (Milano), Marco Capra (Milano), Mons. Hilarion Capucci (Arcivescovo di Gerusalemme), Iaia Caputo (giornalista, Milano), Maria Grazia Caputo (dirett. gen. Vides Internazionale), Franco Cardini (prof. all'Universitł di Firenze), Marco Carraro (Dropout, officina dell'immagine, Milano), Mauro Castiglioni (Milano), Maria Pia Cavaliere ( Dima, dip. di matematica Universitł di Genova), Aine Cavallini, Paolo Cento (deputato), Luciana Cervati, Nadia Cervoni (Donne in nero Roma), Alessandra Ciattini (ricercatrice univ. Roma), Laura Cima (deputato), Ornella Clementi (Donne in nero Bologna), Stefano Colonna (istit. di chimica organica, facoltł di farmacia, Universitł di Milano), Gabriella Coppola (professoressa), Sebastiano Cosenza (Milano), Maura Cossutta (deputato), Lella Costa (attrice, regista, Milano), Marianita De Ambrogio (Donne in nero Torino), Andrea De Lotto (maestro, coordinamento genitori nidi e materne Chiedo Asilo), JosÄ Luiz Del Roio (storico), Loredana De Petris (senatore), Antonino Drago (prof. associato dell'Universitł di Napoli), Rolando Dubini (avvocato, Ass. di amicizia Italia-Palestina), Michele Emmer (Universitł di Roma La Sapienza), Patrizia Esposito (fotografo), Aldo Ferrara (docente di pneumatologia all'Universitł di Siena), Alessandra Filabozzi (dipart. di fisica Universitł di Roma), Dario Fo (Nobel per la letteratura, Milano), Giorgio Forti (prof. facoltł di scienze dell'Universitł di Milano), Alessandra Galbiati (Milano), Alessandra Garroni (medico, Roma), Stefano Garroni (ricercatore Cnr, Roma), Mario Geymonat (prof. all'Universitł Cł Foscari, Venezia), Enrico Giardino ( Forum Dac), Anna Gigli (ricercatrice Cnr, Roma), Roberto Giudici (presid. Associaz. di amicizia Italia-Palestina), Gabriella Grasso (Milano), Laura Guazzone (cons.scient. dell'Istituto Affari Internazionali, Roma), Sveva Haertter, Fawzi Ismail (medico, vicepresid. Associaz. Sardegna-Palestina), Younis Kutaiba, Luca Leuzzi (stud.universitario, Amsterdam), Stefania Limiti (Roma), Paolo Limonta ( Centro culturale Kurdistan - Italia), Graziella Longoni (Cabiate), Maria Grazia Marinari (dipart. di matematica, Universitł di Genova), Maddalena Massei (webmaster, Milano), Valentina Marzilli, Libera Mazzoleni (Milano), Alessandro Mazzone (docente universitario, Siena), Paola Merlo (Comitato di solidarietł con il popolo palestinese, Torino), Marialidia Minak (pubblicista, Milano), Emilio Molinari (Milano), Giorgio Montagnoli (dipart. di veterinaria dell'Universitł di Pisa), Ersilia Monti (coordinamento lombardo Nord - Sud del mondo), Maurizio Musolino (giornalista di Rinascita, Roma), Daniela Musso (Marsiglia), Amalia Navoni (coordinamento lombardo Nord - Sud del mondo), Sinda Nawrocka, Mimmo Negro (Centro sociale Asilo politico, Salerno), Flora Nicoletta (giornalista, Gaza City), Chiara Nicolini (Psicologia, Universitł di Padova), Nada Nobili, Piero Olla (ingegnere, Cagliari), Barbara Orlandini (Bologna), Gianfranco Pagliarulo (senatore), Lorenzo Paolino (insegn. Istit. tecnico agrario di Firenze), Giorgio Parisi (docente di teorie quantistiche, Universitł di Roma), Silvano Parolari (segreteria Forum sociale Vallecamonica), Olivia Pastorelli (Busto Arsizio), Mariangela Peddizzi (presid. Associaz. Sardegna-Palestina), Giovanni Persico (prof. dipart. di sociologia, Universitł Federico II di Napoli), Teresita Picardi ( dipart. di veterinaria, Universitł di Pisa), Gabriella Pistone (deputato), Emiliana Poce (Dropout, officina dell'immagine, Milano), Paolo Poce (Dropout, Milano), Francesca Polito, Franca Rame (attrice, regista, Milano), Meriam Rattin (insegnante, Donne in nero), Carlo Remeny (giornalista di Famiglia Cristiana, Milano), Rosetta Riboldi (cons. comunale di Cinisello Balsamo), don Gino Rigoldi, Giorgio Riolo (Associaz. culturale Punto Rosso), Marco Rizzo (deputato), Margherita Roggero (dipart. di matematica, Universitł di Torino), Erminia Romano (professoressa), Ruggero Ruggeri (deputato), Mariangela Sacchi (restauratrice), Luciana Saibene (giornalista, Milano), Maria Saibene (Milano), Ruba Salih (Universitł di Bologna), Marinella Sanvito (Donne in nero Milano), Marisa Savoia (dottssa Cto Napoli), Albino Scalcione (fotoreporter, Milano), Luciano Scalettari (giornalista, Milano), Francesco Scarpelli (Dropout, officina dell'immagine, Milano), Susanne Scheidt, Edvige Schettino (prof.ssa dipartimento di fisica dell'Universitł Federico II di Napoli), Eva Schwarzwald, Marianella Sclavi, Pino Sgobio (deputato), Fulvio Spelta, Giorgio Stern (Salaam, Trieste), Fausto Tagliabue (fotoreporter, Milano), Nicola Teti (editore, Milano), Massimo Todisco (Osservatorio di Milano), Francesco Tofoni (Milano), Valentina Turazzi (presid. Coop. soc. Centri Rousseau), Claudio Treves, Angelo Valdameri (coordinamento dei comitati di quartiere, Milano), Tiziana Valpiana (deputato), Eleonora Varisco (insegnante), Nichi Vendola (deputato), Patrizia Viglino (fotogiornalista, Bologna), Gabriele Visco Gilardi, Kathleen Ellen White (Milano), Tammam Youssef (cardiochirurgo, S. Donato Milanese), Luana Zanella (deputato), Rebecca Zanuso. Molte altre adesioni sono gił pervenute e stanno pervenendo ogni giorno, e verranno comunicate in seguito. NE OCCORRONO MOLTE ALTRE, CON LE QUALI LANCEREMO ULTERIORI INIZIATIVE.